Come prevenire la cura dei tuoi problemi di crescita della marijuana

Molti problemi di coltivazione della marijuana sono spesso genetici e, quindi, non possono essere curati semplicemente cambiando le condizioni di crescita. La migliore risposta al novanta per cento dei problemi di come coltivare cannabis è in realtà trattare le piante, non le loro radici!

Il primo e più importante passo è cambiare il tuo ambiente nel migliore possibile. Ciò significa eliminare le cose che indeboliscono le tue piante, come la scarsa illuminazione e le cattive condizioni del suolo. Se hai a che fare con un problema nelle tue piante di marijuana, cambiare l’ambiente può curarlo in modo permanente.

Molti problemi di coltivazione della marijuana come white widow auto possono essere facilmente affrontati con semplici modifiche alle condizioni di coltivazione. Ad esempio, hai uno scarso drenaggio, che fa crescere la tua cannabis più lentamente? Bene, un semplice cambio di terreno può risolvere questo problema ed è anche un buon modo per evitare futuri problemi del suolo. Se il terreno è troppo umido, annaffia di più. Se è troppo secco, innaffia di meno.

La quantità di acqua che usi per le tue piante dipende in gran parte dalla quantità di sole che ricevono. Se stai coltivando in un’area in cui i giorni medi di luce solare sono molto lunghi, assicurati che le tue piante ricevano molta luce per crescere velocemente. D’altra parte, se vivi in un posto dove le giornate sono brevi, allora devi dare alle tue piante di cannabis meno luce perché saranno in grado di crescere più velocemente.

Un’altra cosa a cui pensare è il tuo tipo di terreno. Piante diverse richiedono quantità d’acqua diverse per crescere, quindi dovresti adattare il terreno di conseguenza. Esistono molti tipi di terreno e devi sapere quale funzionerà meglio per la tua pianta.

La cosa più importante da ricordare quando si ha a che fare con un problema di coltivazione della marijuana è la cosa più importante è che devi risolvere il problema prima che possa persino iniziare a diffondersi! Non preoccuparti troppo di sbarazzarti di tutto ciò che contiene un segno di cannabis.

Quello che devi fare, invece, è focalizzato sul fissaggio delle radici della pianta di marijuana. Dovresti provare a dare alla tua cannabis una buona quantità di luce, umidità e sostanze nutritive per mantenerla sana. e crescere forte. Se lo fai bene, sarai in grado di curare la radice della pianta di marijuana in pochissimo tempo!

Il mio ultimo consiglio è questo: dai sempre alla tua pianta di marijuana la giusta quantità di luce solare e nutrienti. Man mano che coltivi più piante, è più probabile che tu abbia molti semi di piante infestanti all’interno delle tue piante. Non lasciare che questi semi si diffondano.

È meglio mettere le piantine sui vassoi nella serra o nella stanza di coltivazione non appena le metti per l’inverno. Se lasci uscire queste piantine durante la primavera, è più probabile che vengano mangiate da uccelli e roditori. Non decolleranno e non si diffonderanno a meno che non ottengano molta luce solare.

Se dai ai semi e alle piantagioni di marijuana molta luce solare e acqua, non dovrebbero diffondersi molto facilmente. Tuttavia, non dare loro troppa acqua.

Quando metti piantine o gemme in contenitori, tienili a una distanza approssimativa dalle altre piantagioni, in modo che non si diffondano molto lontano. Basta lasciare abbastanza spazio tra ogni pianta in modo che si diffondano e mantengano le radici umide. e terreno umido. Puoi anche posizionare le piante vicine ma tenerle a pochi centimetri l’una dall’altra.

Un ultimo suggerimento che voglio darti è che devi tenere presente che se vedi una pianta che cresce e non la spargi, non cercare di rimuoverla. Questo non significa necessariamente che sia malsano, ma che potrebbe benissimo estinguersi.

Quando la tua pianta di cannabis è sana, può durare per anni se le dai la giusta quantità di luce, acqua e sostanze nutritive. Se scopri che è malsano, dovresti portarlo via e ricominciare da capo. Non lasciarlo crescere, perché causerà la morte dell’intera pianta!